Come creare un tema child su WordPress manualmente

Ciao! In questo articolo ti spiego come creare un tema child su qualsiasi tema di WordPress. La procedura potrebbe sembrare macchinosa per i meno esperti, ma seguendo questi step non potrai sbagliare!

Realizzato da
Vincenzo Iracà
Aggiornato al
9 Settembre 2020
creare-tema-child-wordpress

Prima di tutto... Che cos'è un tema child?

La domanda è lecita. Tutti sanno che su WordPress è possibile installare temi di ogni genere che permettono di realizzare siti web velocemente, ma in pochi sanno che ad ogni loro aggiornamento si rischia di perdere tutte le modifiche fatte!

Se installiamo un tema e iniziamo a modificarlo (colori, font, dimensioni dei testi e molto altro ancora) ne stiamo fisicamente editando il codice, per cui quando lo sviluppatore del tema WordPress rilascerà un aggiornamento, quest'ultimo andrà a sovrascrivere il codice che abbiamo modificato fino a quel momento, cancellando così tutte le nostre modifiche.

Come evitare di perdere le modifiche fatte al tema WordPress?

La soluzione è installare, o più precisamente creare, un tema child sul nostro tema principale.

Ok... Ma che cos'è un "tema child"?

Cercherò di farla breve: un tema child non è altro che una "maschera" di livello (i grafici a questo punto dovrebbero aver già capito) da applicare al nostro tema principale.

Niente panico! Vedremo step by step come fare, ora concentriamoci sul suo funzionamento. In parole povere, questa maschera si prenderà carico di tutte le modifiche che noi facciamo al tema tramite WordPress, così che possa mantenerle intatte in seguito a un aggiornamento del tema stesso.

Ora che conosciamo la teoria, vediamo come applicarla nel lato pratico!

PS: se hai acquistato un tema a pagamento, probabilmente non avrai bisogno di seguire questa procedura. Dovresti aver ricevuto insieme al tema in file .zip un altro file .zip relativo al tema child. In questo caso sarà sufficiente caricarlo su WordPress e attivarlo. Se non sei in possesso di questo file continua a leggere la guida.

Step 1: installare un tema su WordPress

Non importa quale, la procedura che stai leggendo funziona con qualsiasi tema, quindi scegli quello che più preferisci (puoi acquistarne uno su ThemeForest oppure scaricarne uno gratuito dalla libreria dei temi di WordPress) e dopo averlo installato procedi allo step numero 2.

Mi raccomando, non applicare nessuna modifica al tema fino a quando non avrai installato il tema child, altrimenti potresti perderle al primo aggiornamento.

Se hai già fatto delle modifiche dovrai armarti di pazienza e riportarle sul nuovo tema child una volta che sarà installato.

Step 2: creare la cartella del tema child

Adesso entriamo nel lato pratico! Nel titolo parlo di server, è vero, ma non devi preoccuparti perché è più semplice di quanto sembra. L'unica cosa a cui dovrai pensare è rimediare le credenziali di accesso al tuo pannello hosting.

In genere queste credenziali vengono fornite dall'hosting provider quando acquisti il servizio, ma se non dovessi trovarle ti consiglio di accedere al tuo account presso l'hosting provider (Aruba, Netsons, Register, ecc.) e accedere al pannello hosting direttamente dai tuoi servizi.

Una volta dentro al pannello dovrai cliccare sull'applicazione che ti consente di gestire i file del server, in genere si chiama "gestione file".

A questo punto devi accedere alla cartella pubblica del server, ovvero dove risiede la tua installazione di WordPress (tipicamente questa cartella si chiama "public_html") e raggiungere il percorso relativo ai temi.

Il percorso che devi fare è il seguente: "public_html / wp-content / themes".

Come riconoscere la cartella del proprio tema

In questo percorso sono presenti le cartelle di tutti i temi che abbiamo installato su WordPress. Ora dovresti individuare la cartella relativa al tuo tema, non dovrebbe essere difficile perché teoricamente il nome è lo stesso del tema (es: astra, neve o oceanwp.

Una volta individuata, copia il nome della cartella e creane una nuova, poi rinominala e incolla il testo copiato, aggiungendo subito dopo "-child".

In sostanza, dovrai creare una nuova cartella nel percorso che ti ho indicato e rinominarla "nomedeltuotema-child".

cartella-dei-temi-wordpress

Step 3: creare il foglio di stile

Bene, se hai creato la cartella aprila, dopo di che crea al suo interno un nuovo file (clicca sull'icona del "+" nella barra degli strumenti che trovi in alto) e chiamalo esattamente "style.css".

Ora apri questo file (in genere basta un doppio clic, oppure clicca con il tasto destro del mouse e poi scegli la voce "modifica"), dovresti visualizzare un foglio bianco. Dentro a questo foglio incolla il seguente codice:

/*
Theme Name: Nome del Tuo Tema Child
Theme URI: https://www.iltuositoweb.com/
Description: Tema Child per il tema Nome del Tuo Tema
Author: Il tuo nome
Author URI: https://www.iltuositoweb.com/
Template: nomecartelladeltuotema
Version: 0.1.0
*/

Dovrai compilare questo codice con i tuoi dati e i dati del tuo tema, facendo particolare attenzione al campo "template". Qui dovrai inserire esattamente lo stesso nome della cartella del tuo tema, quindi incolla il testo che hai copiato poco fa, altrimenti il tema child non funzionerà.

Quando hai compilato il codice, salva il file e chiudilo, poi torna alla cartella precedente (public_html/wp-content/themes).

Step 4: modificare il file functions.php del tema

Non farti spaventare dal nome, dobbiamo solo incollare un pezzo di codice all'interno di questo file, nulla di più 🙂

Dunque apri la cartella del tuo tema principale (attenzione a non toccare nulla, perché questa cartella a differenza di quella creata poco fa non è vuota!) e vai alla ricerca del file "functions.php". Quando lo trovi, clicca due volte su di esso per aprirlo.

Noterai che sono presenti una serie di codici, presta attenzione e scorri fino alla fine del foglio, poi posiziona il cursore sull'ultima riga e vai a capo 2-3 volte, come vedi nell'immagine:

modificare-file-functions-php-tema

Adesso incolla il seguente codice così com'è, non è necessario apportare alcuna modifica:

add_action( 'wp_enqueue_scripts', 'enqueue_parent_theme_style' );
function enqueue_parent_theme_style() {
wp_enqueue_style( 'parent-style', get_template_directory_uri().'/style.css');
}

Salva le modifiche e chiudi il file. Con questo step abbiamo concluso la parte "difficile" e possiamo tornare su WordPress!

Step 5: attivare il tema child su WordPress

Per concludere l'installazione del tema child non ti resta che recarti su WordPress, nella sezione relativa ai temi (Aspetto/Temi) e attivare il tuo tema child.

Quando lo avrai attivato, il tema child ti permetterà di usufruire di tutte le funzionalità del tuo tema senza alcuna limitazione, l'unica differenza è che in seguito a un aggiornamento non perderai alcuna modifica!

Se hai seguito correttamente la procedura non dovresti riscontrare alcuna anomalia sul sito web, in caso contrario commenta questo articolo tramite il form sottostante e sarò felice di aiutarti!

Ti ringrazio per aver seguito questa guida e spero di averti aiutato a installare il tema child. Alla prossima!

Vincenzo Iracà
Web Developer & Designer

Mi chiamo Vincenzo Iracà e insieme a Stefano Lavazza abbiamo fondato la nostra Agenzia Web. In Klorofilla realizziamo siti web professionali e landing page mirate a ottenere elevati tassi di conversione.

Da diversi anni sviluppiamo i progetti dei nostri clienti su WordPress tramite Oxygen Builder. Abbiamo deciso di contribuire in maniera attiva alla diffusione di questo page builder, che attualmente possiamo considerare il migliore sul mercato, tramite questo blog e la nostra community su Facebook.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Resta sempre aggiornato

Ricevi tutorial, guide e consigli pratici in pillole (niente spam, promesso!).

menu